Edizione 2013/14

Alessio Lazzareschi

Alessio Lazzareschi, avvocato. Nato nel 1973, si laurea a Roma nel 1997, dopo un’esperienza in un studio legale internazionale, consegue nel 2004 un dottorato in filosofia del diritto all’Università di Torino e presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi. Nel 2005, insieme a due colleghi, fonda lo studio legale Bellettini Lazzareschi Mustilli, occupandosi di produzione cinematografica e audiovisiva. Assiste numerose società di produzione e alcuni autori.

Minuz Andrea

Andrea Minuz docente presso l’Università di Roma «La Sapienza». Ha insegnato nell’Università Cattolica di Milano e al Dams di Bologna. Si è occupato di teoria e analisi del film e attualmente svolge ricerche sulla storia sociale del cinema italiano. Tra le sue pubblicazioni: Dell’incantamento. Hitchcock, Bergman, Fellini e il «motivo dello sguardo» (2009); La Shoah e la cultura visuale. Cinema, memoria, spazio pubblico (2010 – premio “Limina” miglior libro italiano di cinema); F.W. Murnau. L’arte di evocare fantasmi (2010). Viaggio al termine dell’Italia. Fellini politico (2012), di prossima uscita tradotto in inglese per Berghahn Books. Il suo ultimo libro è Quando c’eravamo noi. La crisi della sinistra nel cinema italiano da Berlinguer a Checco Zalone. Collabora con le riviste «IL» e «Segnocinema».

Zappi Fabrizio

Fabrizio Zappi nasce a Imola nel 1968. Nel 1992 si laurea in Economia e Commercio all’Università di Bologna e nel ’96 consegue l’ EMAM, European Master in Audiovisual Management, promosso dalla Media Business School (Programma Media della Unione Europea, Madrid) e dall’ANICA (Roma), svolto presso diverse istituzioni formative europee e tenuto interamente in lingua inglese. Ha lavorato presso Fandango e come producer della RAI, attualmente è dirigente presso Rai Fiction seguendo fiction di grande successo quali La Piovra 10, Il Grande Torino, Giovanni Falcone, Walter Chiari e molte altre. É docente presso il Master dell’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica di Milano.

Galeazzi Andrea

Dopo un inizio come autore teatrale, vincendo tra l’altro nel 1989 il premio ETI per i giovani autori “Under 35”, si sposta presto alla sceneggiatura cinematografica e televisiva. Il primo lavoro in assoluto è stato “Un Amore Americano” (1992), film prodotto da Pupi Avati, girato negli Stati Uniti da Piero Schivazappa, con Brooke Shield e Carlo Delle Piane.

Dopo aver scritto alcuni film tv,  tra i quali “Il Goal Del Martin Pescatore” con Mara Venier (1996), e “Una farfalla nel Cuore” con Claudia Pandolfi (1998), comincia poi a lavorare in alcune delle più famose serie ad episodi della tv italiana, quali “La Squadra”, “Ricominciare”, “Distretto di Polizia”, “Un Medico in Famiglia” e altre.

Nell’ambito della serialità quotidiana, dopo aver lavorato al primo anno della storica “Un Posto Al Sole”, è stato poi dialoghista, storyliner e story editor in “Centovetrine” di Canale 5, per circa sette anni, fino al 2010.

Per il cinema, oltre a “I Virtuali”, di Luca e Marco Mazzieri (1996), ha scritto la sceneggiatura di “Peter Pan Kids” insieme al regista cubano Arturo Sotto Diaz, sceneggiatura vincitrice del primo premio al Festival Internazionale del Cinema dell’Avana nel 2007.

Come insegnante ha tenuto un laboratorio annuale di sceneggiatura alla Scuola Nazionale di Cinema, nell’anno 98/99.

Al momento è impegnato con nelle sceneggiature della serie “Le Tre Rose di Eva”, giunta alla terza stagione, prodotto da Endemol Italia per Canale 5.

Ariotti Aaron

Aaron Ariotti è uno sceneggiatore. Collabora in qualità di docente con la Scuola Holden di Torino e organizza da indipendente corsi e laboratori di sceneggiatura per scuole e associazioni culturali di ogni dove.

Nato a Torino nel 1975, nel 1994 si immatricola a Lettere Moderne e in poco tempo perde l’unica abitudine che non vuole perdere: quella di scrivere Nel settembre del 1995, parallelamente all’università, si iscrive alla Scuola Holden dove due anni più tardi si diploma in Tecniche della Narrazione. Si trasferisce a Roma per frequentare il Corso di Formazione e Riqualificazione Sceneggiatori organizzato dalla RAI e, in un secondo momento, la Scuola Fiction di Mediaset.

Nel 2001 si mette a scrivere più o meno stabilmente per la televisione, sia per l’Italia (Don Luca 2, Centovetrine, Sottocasa, Grandi domani, I Cesaroni, Il tredicesimo apostolo, Passione Rosso Sangue) sia per l’estero (Etrangers, soggetto di serie scritto con Stefano Accorsi  per la casa di produzione francese Stephen Greep).

Durzi Giacomo

Giacomo Durzi. Come sceneggiatore ha scritto diversi film e serie tv, tra cui le più recenti sono “Sicilia connection” (prod. TaoDue-Mediaset) e “In treatment” (prod. Wildside-Sky Cinema).

Come editorial e script consultant, ha lavorato per NBC Universal e Fox International Channels, lanciando nuovi canali e sviluppando le produzioni. Ha lavorato inoltre per Mediavivere-Endemol, Itc Movie, occupandosi dello sviluppo progetti di nuovi format e serie tv, e per le case di produzione tedesche Tandem Communication e Bavaria.

Come regista ha scritto e diretto diversi documentari per broadcaster italiani ed europei. Il suo ultimo film è “S.B. Io lo conoscevo bene“, presentato in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma 2012.

Insegna sceneggiatura alla scuola di cinema DFFB di Berlino e alla IFS  di Cologna, ed è insegnante e tutor del progetto Racconti Script Lab del fondo BLS  (Business Location Sudtirol) e per la Fondazione Biennale di Venezia, del Biennale College Cinema.

E’ membro del direttivo dei 100autori, e  della commissione esecutiva delle Giornate degli Autori – Venice Days della Mostra del cinema di Venezia.

Olivieri Marcello

Marcello Olivieri è nato il 27.05.1967. Attualmente sta sviluppando le sceneggiature per il cinema di “Totonero” (Fandango), “I falchi” (Minerva/Figli del Bronx), “Uno” (Louminousrangefilms e Global Entertainment Media – Australia -). Ha vinto 3 volte (“Hermano“, “Uno“, “Milano da bere“) ed è stato 2 volte finalista (“Il mestiere del portatore“, “Negazione“) al Premio Solinas. Per la tv, ha scritto miniserie (“Liberi di giocare“, “Doc West“), serie (“Il Commissario Nardone“), e lunga serialità (“Incantesimo” 8, 9, 10).

Suoi lavori hanno ottenuto finanziamenti dal Mibac e dal Media, sono stati selezionati per workshop internazionali (Torino Script & Pitch, MFI, Katapult) e presentati alla Fabbrica dei Progetti del Festival di Roma e allo Screen Producers Association of Australia.

E’ stato sceneggiatore di videogames.

Insegna alla Nuct ed ha frequentato il Corso RAI SCRIPT di formazione e qualificazione in sceneggiatura.